R.I.S. Delitti imperfetti 5

Una catena di efferati e in apparenza inspiegabili delitti porta il capitano Venturi a scoprire l’esistenza di una misteriosa setta, i cui membri, che si definiscono Eletti, mirano a rovesciare la società, attraverso sconvolgenti azioni criminali. La setta si ispira a un evoluzionismo estremo per giustificare un pensiero razzista ed eugenetico, basandosi sul pensiero di Andreas Morbegno, un filosofo morto suicida. Il libro di Morbegno è una sorta di bibbia della setta, un oggetto tenuto nascosto dagli adepti, che cela diversi segreti. Scopo della setta è l’eliminazione di tutti gli individui ritenuti non adatti e non adeguati, per favorire il dominio dei pochi dotati, ovvero gli Eletti stessi. A capo della setta c’è un misterioso e temibile leader, che si nasconde dietro una maschera di assoluta rispettabilità. La setta plagia gli adepti, trasformandoli da giovani di belle speranze in spietati killer, pronti ad eseguire gli ordini del capo, anche a costo della loro stessa vita. Per i Nostri sarà dura scoprire i segreti della setta: ogni adepto arrestato si chiude in un ostinato silenzio, mentre i piani vengono portati a termine da altri seguaci, in una catena di omicidi che arriverà a colpire anche gli inquirenti.
L’unica speranza per i RIS è accedere e infiltrarsi all’interno della setta stessa, per smascherare il loro capo. Ma gli Eletti nascondono i loro segreti sfruttando la rete web: unico luogo di incontro degli adepti è un mondo virtuale ad accesso criptato, dove Venturi e la sua squadra dovranno riuscire a infiltrarsi.
Presentazione personaggi
Venturi fa affidamento sul gruppo che in buona parte già conosciamo, con qualche piccola modifica. Ritroviamo il tenente Giorgia Levi, alla quale ad inizio serie il capitano è legato anche da un rapporto sentimentale; l’amico di sempre di Venturi, il maresciallo Vincenzo De Biase, che ha però perso la calda vicinanza della figlia Francesca, diventata tenente e trasferita in un’altra città; il sottotenente Daniele Ghirelli, ormai perfettamente inserito nell’organico a dispetto del suo carattere solitario e un po’ eccentrico; e il tenente Giovanni Rinaldi, che però a causa di questioni personali deciderà presto di lasciare i Ris.
I nuovi ingressi sono il tenente Flavia Ayroldi, specializzata in entomologia e scienze naturali, che garantirà a Venturi la massima competenza in una branca finora poco utilizzata dai Ris; e una consulente esterna all’Arma, la dott.ssa Veronica Gambetta, studiosa esperta in sette e movimenti religiosi, che affiancherà il gruppo di Venturi dal momento in cui diventa chiaro con quale pericolo i Ris devono confrontarsi.
Intorno a loro ritroviamo due volti noti della territoriale, il capitano Rocchi e il tenente Spada; l’anatomopatologa, dott.ssa Claudia Morandi; il responsabile superiore dei Ris, generale Tosi; e il magistrato talvolta in passato antagonista di Venturi, il dott. Antonio Di Maio, che però a metà serie cadrà vittima proprio della follia omicida della setta, lasciando il posto al giovane e volitivo dott. Manlio Pasinato.

TAODUE

Via Pompeo Magno 1 00192 Roma
Tel. 06.322.1813/2016 - Fax 06.321.7042
P.IVA e C.F. 08747881004
Email taodue@taodue.it