Distretto di polizia 7

Al X Tuscolano arriva un nuovo commissario, Marcello Fontana, anni di esperienza in Calabria nella lotta alla ‘ndrangheta. Di lui si sa che è un ottimo poliziotto, ma i suoi misteriosi incontri con una ragazza di cui nessuno sa nulla fanno nascere curiosità e sospetti nei suoi sottoposti.

Al distretto fa il suo ingresso anche Raffaele Marchetti, un ispettore simpatico e pieno di umanità, trasferito a Roma da un commissariato di Frosinone.

Ritroveremo anche Alessandro Berti e Irene Valli alle prese con un rapporto che ha bisogno di crescere mentre il neo ispettore Luca Benvenuto dovrà fare i conti con il suo desiderio di paternità.

Il nuovo nemico che i poliziotti del X Tuscolano dovranno affrontare in questa sesta serie è Vincenzo Neri, un potente e pericoloso boss della criminalità organizzata calabrese che nessuno è mai riuscito ad incastrare…..fino ad oggi…..

Note di produzione

Una caratteristica distintiva del Format “Distretto di polizia” è stata la scelta di inserire una linea narrativa forte (orizzontale), al di là dei percorsi dei personaggi e delle trame degli episodi, che fungesse da filo conduttore della fiction.
La correlazione tra realtà e fiction è uno degli elementi portanti anche per quanto riguarda il lavoro con gli attori che danno vita alla serie.
La scelta di impiegare attori non esplicitamente televisivi, selezionati con duri provini su parte, prende le mosse dalla chiara necessità di dare una più marcata naturalità alla recitazione.
La serie è stata realizzata, per precisa scelta produttiva, con standard cinematografici, facendo largo ricorso a steady cam e lunghi piani sequenza, che comportano la necessità per gli attori di mandare a memoria lunghe scene e di provare a lungo in teatro prima di girare.
Con un atteggiamento professionale, pre-cinematografico, sono state particolarmente curate anche le fasi di postproduzione, con la scelta di musiche contemporanee ed un montaggio serrato ed aggressivo.
I casi di puntata si ispirano alle cronache giudiziarie, fatti salvi i necessari interventi drammaturgici, nell’intento di dare verosimiglianza e genuinità alle storie.
Le storie sono il frutto di una attenta ricerca sul campo, direttamente ispirate da fatti reali e sviluppate attraverso confronti costanti con gli operatori di polizia.
Migliaia di lettere e suggerimenti di telespettatori testimoniano l’apprezzamento per un obiettivo centrato.

TAODUE

Via Pompeo Magno 1 00192 Roma
Tel. 06.322.1813/2016 - Fax 06.321.7042
P.IVA e C.F. 08747881004
Email taodue@taodue.it