Premio Taodue “Camera d’Oro 2013”

Il premio per il Miglior produttore emergente va a Jean Denis Le Dinahet e Sebastian Msika per il film “Il sud è niente” di Fabio Mollo. Motivazione del premio: “Per il coraggio e la determinazione nel realizzare un film ambientato in Calabria sul conflitto e l’ambiguità di un adolescente”.

L’industria cinematografica secondo Valsecchi

Quello del cinema e della TV sono due mondi ben distinti, ma pieni di intrecci.

Lo sa molto bene Pietro Valsecchi, produttore di Taodue, che ne ha parlato in una lunga intervista rilasciata ad Annalisa Bruchi, conduttrice del programma 2Next, in onda su Rai Due.

Clicca qui per vedere l’intervista in forma integrale.

Valsecchi: “Una fiction su Papa Francesco”

Un’importante novità riguarda Taodue. Il produttore Pietro Valsecchi, ha in programma una fiction su Papa Francesco. Lo svela in un’intervista all’Hollywood Reporter, visibile integralmente a questo link. Prima di leggerlo, date un occhio a quest’anticipazione: a interpretare Jose Luis Bergoglio potrebbe essere Antonio Banderas

Coppia di stelle, incassi a catinelle

Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt sono i produttori del fenomeno Zalone. Sono tante le cose che li tengono uniti da oltre vent’anni, da quando lei girò che “un film con lui non lo farò mai” e, pochi mesi dopo, lo sposò. C’entrano con l’amore, ma anche con alcune certezza. La coppia ha rilasciato un’intervista a Vanity Fair, clicca qui per leggerla in forma integrale.

Taodue tra i protagonisti dell’8° edizione del Festival Internazionale del Film di Roma con “Camera d’Oro”

Taodue, a conferma del sostegno agli autori/cineasti emergenti, rafforza la sua partecipazione al Festival internazionale del Film di Roma, ufficializzando il Premio “Camera d’oro per la migliore opera prima/seconda“. Il premio nasce dal bisogno di registrare, come pure in un momento di crisi e di radicali cambiamenti, il cinema riesca a rivelarsi centrale nell’evoluzione dei linguaggi, della cultura e del costume. Il premio Taodue “Camera d’oro per la migliore opera prima/seconda”, inserito nella selezione ufficiale del Festival, intende infatti abbracciare con sguardo trasversale tutte le sezioni (film in concorso, fuori concorso, cinemaXXI, Alice nella Città) alla ricerca delle forme e modalità espressive più innovative e vicine allo spirito dei nostri tempi. Come dichiara il produttore Pietro Valsecchi: “Il premio nasce dalla nostra profonda fiducia che il cinema sia un’arte necessaria all’immaginario contemporaneo. La crisi che stiamo attraversando non è crisi di idee ma di sistema. Possiamo immaginare nuove forme di fruizione del film, ma non potremo mai immaginare la morte del cinema”. Il Premio si rivolge al migliore regista e al miglior produttore emergente, che verrà selezionato su 18 opere in concorso. La giuria è presieduta dal regista Roberto Faenza e composta da Fausto Brizzi, Carlo Freccero, Alessandra Mammì, Valerio Mieli, Camilla Nesbitt e Andrea Occhipinti. Il Premio Taodue “Camera d’Oro”, realizzato da Enigma su un progetto esclusivo di Gianni Bulgari, sarà annunciato l’8 novembre nel corso della Cerimonia di Apertura del Festival e consegnato durante la Premiazione Ufficiale sabato 16 novembre. Guarda i vincitori dell’edizione 2013 del Premio Taodue “Camera d’Oro”. Miglior opera prima/seconda Miglior produttore

Mafia e ‘ndrangheta, le storie sui clan piacciono all’estero

Roma- Le storie poliziesche fanno bene alla fiction. “Anche sui mercati internazionali abbiamo riscontrato il particolare interesse per prodotti di investigazione scientifica e per quelli relativi a storie di mafia” osserva Camilla Nesbitt, amministratore delegato Taodue, annunciando insieme al produttore Pietro Valsecchi i nuovi progetti in onda nella prossima stagione di Canale 5.

Da una miniserie su Tommaso Busccetta con Pierfrancesco Favino a Le mani dentro la città con Simona Cavallari sull’avanzata dell’ndrangheta a Milano; da Squadra Mobile che si concentra su casi di femminicidio e stalking a Roma, al tv-movie dal libro di Antonio Manganelli, il capo della polizia recentemente scomparso.

Poi i sequel di brand di successo come Squadra Antimafia 5, Sicilia Connection Ris, Ultimo 5. “Per quanto riguarda la serie sui RIS – continua la Nesbitt – è stata adattata in diversi paesi europei. Di “Squadra Antimafia” il network americano Abc ha acquistato i diritti per realizzarne una versione statunitense e inoltre, in collaborazione con un produttore Usa, sta nascendo il Capo dei Capi girato in Italia ma in inglese”.

Insomma, così come per la Rai, dove impazza il poliziesco Montalbano e ora il nuovo action crime Crossing Lines, le fiction più seguite sono quelle sulla criminalità. Ma la collaborazione Mediaset-Taodue – sottolinea il direttore generale Alessandro Salem – che registra una media di ascolti del 24% di share, punta molto anche sulla cronaca, come il nuovo tv-movie Il caso Aldovrandi e su grandi personaggi delle storia recente”.

Uno di questi è Ambrogio Fogar, cui sarà dedicata una miniserie in quattro puntate con la regia di Giovanni Veronesi. “Sono sempre stato convinto – conclude Valsecchi – che soprattutto per i giovani sia importante conoscere più da vicino fatti e personaggi reali. E per il ruolo di un protagonista straordinario come Fogar, sempre capace di affrontare grandi sfide, compresa la malattia, vorrei avere come interprete Kim Rossi Stuart”.

Articolo apparso il 7 giugno 2013 su Il Corriere della Sera a firma di Emilia Costantini.

Pietro Valsecchi: le mie prossime fiction

Al Maxxi di Roma, Pietro Valsecchi, direttore della Taodue, ha incontrato i giornalisti insieme ai registi, gli sceneggiatori e gli attori che lavorano con lui.

E’ stata presentata la prossima stagione della casa di produzione: si andrà da Squadra Antimafia 5 alla seconda serie del XIII Apostolo, dalle Mani dentro la città dedicato alla ‘ndrangheta a Milano a un film su Federico Aldrovandi e ad un altro dedicato a Ambrogio Fogar.

In questa intervista Valsecchi ci illustra i principi ispiratori dei lavori che ha messo in cantiere.

Premio Taodue “Camera d’Oro 2013”

Il premio per Miglior opera prima/seconda va a Scott Cooper per il film “Out of the Furnace“. Motivazione del premio: “Con questa seconda opera si conferma tra gli autori più sorprendenti della sua generazione. Un’epopea sull’implosione della fornace dell’immaginario americano”.

TAODUE

Via Pompeo Magno 1 00192 Roma
Tel. 06.322.1813/2016 - Fax 06.321.7042
P.IVA e C.F. 08747881004
Email taodue@taodue.it